PARTO ANONIMO - Difendiamolo!!!

PARTO ANONIMO E ACCESSO ALLE ORIGINI BIOLOGICHE: DUE DIRITTI DA FAR CONVIVERE.

VOGLIONO ANNULLARE L'EFFICACIA DEL PARTO IN ANONIMATO!!!

Un diritto non esclude l'altro, ma bisogna fare attenzione a come entrambi vengono gestiti.
La volontà di vedere applicato il diritto di accesso alle origini biologiche della persona adottata non riconosciuta alla nascita, può far perdere di vista un importantissimo pilastro sul quale si regge l'intero sistema delle adozioni italiano: IL DIRITTO A PARTORIRE IN ANONIMATO.

Sulla possibilità di accedere alla conoscenza delle proprie origini biologiche, da parte della persona non riconosciuta alla nascita, siamo tutti d'accordo, ma non sulle modalità. Per questo vogliamo evidenziare la pericolosità del
ddl 1979/2020 a firma dei Senatori Santangelo/Evangelista.

LA PARTE PIU' ASSURDA DI TALE DDL, E' LA PROCEDURA INVASIVA DI CONTATTO E INTERPELLO DELLA MADRE BIOLOGICA, CHE VIOLA PALESEMENTE LA PRIVACY DELLA DONNA CHE HA PARTORITO IN ANONIMATO COSI' COMPROMETTENDO L’EFFICACIA DEL PARTO ANONIMO STESSO!!!

Oltretutto, nel caso contrario in cui sia la madre biologica a voler rintracciare il figlio non riconosciuto alla nascita e lasciato in adozione, quest ultimo potrebbe anche non sapere di essere stato adottato!!

In qualsiasi situazione si andrebbe a disturbare la privacy e l'anonimato di una persona che potrebbe aver deciso di non riaprire l'argomento. Non basta avere la facoltà di opporsi al momento in cui si viene interpellati, perché è proprio in quel momento che viene compiuto l'atto di invasione nella vita privata di una persona che potrebbe aver deciso di voltare pagina!!!


Loris Coen Antonucci
(Presidente )

“ASTRO NASCENTE - Adozione e Origini Biologiche”